Il Rebirthing

articolo introduttivo al rebirthing; efficacia del respiro consapevole, del perdono e delle affermazioni positive

REBIRTHING: UN MODO PER DIVENIRE CONSAPEVOLI E RI-CREARE LA VITA

di Pina Pittari

Oggi giorno possiamo contare su informazioni affidabili sul modo in cui i pensieri che abbiamo su noi stessi, la vita, i rapporti, ecc., possono limitarci o aprire per noi le porte del successo; specialmente, quando questi pensieri si trasformano in credenze inconsce, possiamo arrivare ad essere prigionieri del fallimento o virtuosi del successo.

La nascita è il nostro primo successo, è la nostra prima uscita. Durante il periodo precedente alla nascita, dal momento del concepimento, durante la gestazione e nella stessa nascita, sperimentiamo tante emozioni e pensieri i quali, fino a quando non diventeranno coscienti, determineranno la nostra vita in un modo involontario. La nostra tendenza è a ripetere inconsciamente il modello della nascita in tutti i momenti cruciale della nostra vita: studiare, lavorare, sposarsi o divorziare, ecc., ripetendo il ciclo: concepimento, gestazione e uscita, associata alla nascita.

Scoprire queste emozioni e pensieri inconsci, ci permette di vedere la vita in
un modo diverso; cambia il concetto che abbiamo di noi stessi, aumentando la nostra autostima; cambia il nostro sistema di credenze sulle circostanze che circondano la nostra vita, incita la volontà ad affrontare i cambiamenti e attuarli in un modo più cosciente, rendendoci così una migliore qualità di vita. Il Rebirthing è un processo che ci permette di ottenere tutto questo.

Il Rebirthing è stato creato e sviluppato da Leonard Orr, 25 anni fa. È un processo che utilizza la Respirazione Cosciente, il Pensiero Creativo e il
Perdono.

La respirazione rende cosciente, libera e trasforma le emozioni e i pensieri che ci limitano, che sono stati scolpiti durante il periodo di gestazione, nascita e infanzia, dando luogo a un nuovo modo di pensare, alla volontà ed energia necessaria per avviare e attuare i cambiamenti che ci porteranno a vivere una vita più ricca, gradevole e soddisfacente. La respirazione ci collega con il nostro desiderio e impulso di vivere. Possiamo passare giorni senza ingerire alimenti, ma solo secondi senza respirare.

Il Pensiero Creativo, si riferisce alla capacità che abbiamo di creare la realtà con il nostro pensiero, così come pensiamo che siano le cose, agiamo e si manifesta il risultato. La Programmazione Neuro Linguistica ha apportato, in questo campo, informazioni molto importanti: sappiamo che cambiando nella nostra mente una immagine negativa con una positiva, il cervello inserisce la nuova immagine come reale e genera tutto ciò che c´è bisogno per agire in un modo che ci porterà ad acquisire l´immagine positiva proiettata. Nel Rebirthing utilizziamo questa capacità creativa per cambiare il sistema di credenze, specialmente attraverso la scrittura di frasi positive.

Il Perdono è l´altro elemento importante, è la chiave che ci libera. Una volta che abbiamo perdonato, possiamo vedere le situazioni e le persone coinvolte senza giudicare, possiamo capire e assumere la nostra responsabilità in quello che è accaduto e possiamo riconoscere noi stessi come persone attive e non vittime, che in un momento determinato abbiamo fatto scelte che hanno contribuito a condurre le cose nel modo in cui sono avvenute. In questo processo del perdono, scopriamo che la prima persona alla quale dobbiamo perdonare è a noi stessi. Come ho accennato, il perdono ci collega con il nostro potere personale, significando questo la capacità che abbiamo di agire davanti alle diverse situazioni della nostra vita, permettendo di fare svanire il sentirsi vittima.

La nostra nascita influisce grandemente sul modo di avviare i nostri rapporti, tanto con le persone come con il mondo in generale. Stabiliamo i rapporti nel modo in cui è stato il nostro copione di nascita. I parti, incluso quelli chiamati “normali”, apportano un loro proprio copione di nascita. I nati con parto “normale”, usualmente sono persone che sentono loro vita un poco noiosa, come se non succedesse nulla di interessante, la vedono come abituale, non si sentono importanti e in questo modo stabiliscono il loro rapporto con il mondo. Un altro esempio che ha un grande contrasto con quello appena accennato, è la nascita con il forcipe, nel quale tanto la mamma come il bimbo sperimentano molto dolore. Le persone che sono nate con il forcipe, in genere, stabiliscono rapporti fondati sulla colpa, per loro è molto difficile concludere un ciclo, tanto nei rapporti come con tutto quello che iniziano; agiscono di tal modo la loro vita, che provano situazioni di grande dolore. Il domandare aiuto viene loro difficile, giacché l´aiuto inconsciamente gli fa ricordare il forcipe della nascita. Prendere coscienza dei propri copioni della nascita ci permette di fare le scelte di vita in un modo diverso, e questa diventerà pure diversa. Lasciando indietro i traumi della nascita, possiamo avere un migliore rapporto con il mondo che ci circonda.

Il Rebirthing è un processo che ci porta a scoprire chi siamo veramente, ad agire nella vita con potere e non come vittime, a stabilire un migliore rapporto con noi stessi e, perciò, a migliorare il nostro rapporto con gli altri; ci permette di scoprire che siamo degli esseri completi e con potenzialità illimitate.

Pina Pittari

Versione in spagnolo

Altri articoli di Pina Pittari su questo sito: “La respirazione, ovvia ma potente”, “Il tuo più grande amico o nemico? Te stesso!”, “Quale aspetto della tua vita ha per te più importanza?”, “Avrei il mondo ai miei piedi se solo fossi…” (sull’autostima), “L’abuso di sé nella ricerca dell’approvazione”.

 

La dott.ssa Pina Pittari, italo-venezuelana, è una Rebirther, formatasi con Maria Luisa Becerra, Carlos Fraga, Bob Mandel e Patrice Ellequain. E’ anche specializzata nell’utilizzo dei Fiori di Bach e in altre tecniche di sviluppo personale. Dal 2002 vive in Italia, a Ragusa.

Per consultazioni, anche on-line, con la dott.ssa Pittari scrivere a
pinapittari@hotmail.com

Home Page


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *