IL TERZO MUNTU, di Santo Burgio – Recensione di Giuseppe Tumino

Aimé Césaire, il padre della négritude, sosteneva che per l’uomo africano ci sono due modi di perdersi: segregarsi nel particolare o dissolversi nell’universale.

Anche per l’uomo europeo ci sono due modi estremi, sbagliati, di porsi verso il migrante africano: la chiusura becera o la finta accoglienza per specularci sopra.

Intanto gli africani, che non sono più razziati e deportati e non sono più colonizzati, spontaneamente si presentano per offrirsi a un nuovo sfruttamento.

Tra le finzioni ideologiche dello straniero-minaccia e dello straniero-risorsa, c’è una terza via da percorrere: quella più difficile dell’intelligere, per una mediazione culturale che si sforzi di tenere insieme i fili di molte matasse, tra accettazione e rinuncia, tra identità e alterità.

E “Intelligere” è proprio il nome della collana editoriale che presenta l’ultimo lavoro, uscito lo scorso aprile, per le edizioni Agorà & Co., del prof. Santo Burgio, docente di filosofia comparata nella sede universitaria di Ragusa Ibla.

In questo libro intitolato Il Terzo Muntu. Filosofia e tradizione nel pensiero africano contemporaneo, l’autore presenta una panoramica della filosofia africana dalla sua nascita nel 1945 con l’opera di P. Tempels, La philosophie bantue, fino agli ultimi esiti attuali.

Il terzo muntu è il migrante africano che subentra al colonizzato e al “primitivo” edenico precoloniale.

Parecchi e interessanti gli autori passati in rassegna dopo Tempels: Oruka, Kagame, Senghor, Boulaga.

Oltre l’etnofilosofia e la retorica di una tradizione africana, creata a posteriori, o la négritude, che ha inventato una presunta personalità africana, intuitiva e sensitiva, complementare alla fredda razionalità occidentale, si scopre la finezza argomentativa e l’acume critico di una filosofia africana che rilegge e riusa l’ontologia, la morale e la politica.

Santo Burgio ci guida sapientemente in questo percorso non consentendoci nessuna indifferenza alla questione e, nel frattempo, facendoci luce su un mondo di riflessioni, meritevoli di essere conosciute, che non hanno ancora trovato spazio adeguato nel mondo accademico e nella pubblicistica.

Si tratta di una filosofia interculturale, “una provocazione che tiene insonne il pensare europeo” e cerca di ripensare la modernità in modo alternativo al progetto di dominio della natura e dell’uomo.

Giuseppe Tumino

28 agosto 2018

Archivio generale degli articoli

E’ in fase di elaborazione l’elenco generale degli articoli pubblicati,  per singolo mese e con il relativo link all’articolo esteso.

Novembre 2018

11/11/2018  Che cos’è l’epigenetica 
Silvia Giannella

10/11/2018 I cicli planetari e gli aspetti
Pippo Palazzolo

Agosto 2018

28/8/2018  IL TERZO MUNTU, di Santo Burgio – Recensione di Giuseppe Tumino

13/8/2018 Archivio generale degli articoli
Cosimo Alberto Russo

Luglio 2018
3/7/2018 Nasce in Sicilia il Gruppo Interculturale “Mundus”
Pippo Palazzolo

Giugno 2018
25/6/2018 Quale acqua berrò oggi? (ripubblicazione articolo del giugno 2011)
Cosimo Alberto Russo
18/6/2018 Astrologia: Nettuno, fra illusione e illuminazione
Pippo Palazzolo
15/6/2018 Recensione: “Il mito e il velo”
Federico Guastella
14/6/2018 “Il Mito e il Velo” di Federico Guastella – Quarta Parte
Federico Guastella
13/6/2018 “Il vento delle parole” di Ferdinando Testa – recensione
Federico Guastella

Maggio 2018
28/5/2018 Riflessioni (sulla vita…e sul buddismo)
Cosimo Alberto Russo
12/5/2018 “Ritmi” – Poesie di Federico Guastella
Federico Guastella

Aprile 2018
25/4/2018 Dal volume “il mito e il velo” di Federico Guastella-terza parte
Federico Guastella

Marzo 2018
27/3/2018 Dal volume “il mito e il velo” di Federico Guastella-parte seconda
Federico Guastella
7/3/2018 HÒLOS poesia inedita di Fabio Strinati
Fabio Strinati
7/3/2018 Il Mito – dal volume “Il Mito e il Velo” di Federico Guastella
Federico Guastella

Febbraio 2018
19/2/2018 Parte Terza – Introduzione all’opera “Il Libro Rosso” di C.G. Jung: PERCORSI INIZIATICI
Federico Guastella
3/2/2018 Note su “Il Libro Rosso” – Parte seconda: Alchimia e visioni, di Federico Guastella
3/2/2018 Dall’Illuminismo ai Cyborgs
Claudio Messori

Gennaio 2018
21/1/18 Colpa collettiva e non-potere ne “Il libro rosso” di C. G. Jung
Federico Guastella
11/1/18 Note su “Il libro rosso” di C. G. Jung
Federico Guastella

Dicembre 2017
28/12/17 L’imbroglio ecologico
Cosimo Alberto Russo (articolo già pubblicato nel 2012)
13/12/17 Omaggio a Nettuno
Salvatore Arcidiacono
13/12/17 Immagini della Sicilia
Pippo Palazzolo
13/12/17 “Andrea Camilleri” di Marco Trainito – recensione di Federico Guastella
13/12/17 Cultura e musica Rom a Ragusa: spettacolo di Alexian e il suo Gruppo
Pippo Palazzolo
13/12/17 Il Mare quantico
Cosimo Alberto Russo (con il contributo in poesia di Marco De Gemmis)
13/12/17 Amicizia e Autostima (già pubblicato giugno 2005)
Pina Pittari
13/12/17 Alimenti e loro azione antitumorale
Cosimo Alberto Russo
13/12/17 Graffiti ai tempi dell’Inquisizione
Giuseppe Nativo
13/12/17 Coltivare la terra in armonia con il cielo…
Intervista al dott. Pippo La Terra
Pippo Palazzolo
13/12/17 La reflessologia plantare, antica terapia olistica nella presentazione
di un esperto
Francesco Ossino
13/12/17 “Il coraggio di essere uomini” – Giuseppe Mirabella
Pippo Palazzolo
13/12/17 “Filippo Pennavaria e Ragusa” – Luciano Nicastro
Recensione di Giuseppe Nativo
13/12/17  L’abuso di sé (già pubblicato marzo 2005)
Pina Pittari
13/12/17  Il Rebirthing
Pina Pittari
13/12/17  Un piccolo con-tributo a Giordano Bruno (già pubblicato aprile 2006)
Anna Livia Villa
13/12/17  le vie dell’energia
Ruggero Moretto
13/12/17 romanzo storico
Giuseppe Nativo
13/12/17  Siti di paci  (Poesie di Pippo Di Noto)
Pippo Palazzolo
13/12/17  l’angolo della filosofia (recensione del libro di Diego Fusaro “Bentornato Marx! Rinascita di un pensiero rivoluzionario”)
Federico Guastella
13/12/17  Shanti Magazine ottobre 2004
Pina Bizzarro
13/12/17  memorie dell’antica Ragusa (pubblicato aprile 2009)
Giuseppe Nativo