Streghe mentre evocano un temporale - incisione del XV secolo

Una donna condannata dalla Santa Inquisizione nel 1617

 

Margarita: strega a Scicli, infermiera a Palermo

di Giuseppe Nativo

 

 

  Il Tribunale dell’Inquisizione spagnola, sin dai primi anni del suo insediamento in Sicilia (secc. XV- XVI), rivolge la sua attenzione su tutta una serie di soglie di differenza prevalentemente di tipo culturale e religioso, caratterizzando, in maniera unitaria, tutti i territori sotto il dominio della corona iberica e innervando, con il suo cospicuo ed articolato organico, gran parte degli strati sociali dell’isola.

     E’ attraverso i vetusti carteggi inquisitoriali che lo storico entra in contatto con quelle tristi vicende che hanno contraddistinto l’operatività di quel “santo” Tribunale. Studiare l’Inquisizione non è un atto neutro. Ci si pone dal punto di vista delle vittime, ma anche da quello dei giudici per cercare di comprendere perché hanno operato in quel modo, che cosa ha reso per loro praticabile la via della violenza o comunque di un severo giudizio nei confronti di quei “diversi” considerati come forieri di una “devianza” che avrebbe sovvertito gli “standard” del pensiero ufficiale.

     Sul finire del ‘500 il Sant’Uffizio siciliano, su direttive dell’Organo centrale madrileno (“Consejo de la Suprema y General Inquisicion”), cerca di avocare a sé – riuscendo nell’intento – la competenza giuridica a poter giudicare anche altri reati, quali, ad esempio quelli relativi a pratiche terapeutiche “magico-religiose” o “medico-esorcistiche”, contraddistinti come “magària” o “hechizeria” (stregoneria). Esempi di ritualità al confine tra il mondo sensibile e quello “occulto” si rilevano dallo studio delle “Relaciones de causas” cioè di quelle relazioni, redatte in forma sintetica, riguardanti i processi inquisitoriali che gli inquisitori distrettuali trasmettono periodicamente alla citata struttura centrale.

     Proprio da questi carteggi, custoditi presso l’Archivo Historico Nacional di Madrid, emergono tristi vicende come quella che inizia a Scicli quel 18 agosto dell’anno domini 1615 con l’arresto di una donna non più giovane. Tra i capi d’imputazione vi è quello di guarire “algunos enfermos”, attraverso la somministrazione di pozioni a base di erbe. La sventurata è, dunque, colpevole di “hechizeria”. Storia d’altri tempi, ma vicenda di ordinaria amministrazione per quel periodo. Inizia così, stretto nella tenace morsa del processo inquisitorio, il calvario giudiziario di quella donna “natural de Xicli”. Ad accusarla sono alcuni “testigos” che – nel segreto dell’istruttoria – “testifican” di aver visto “Margarita” guarire molte persone, alcune delle quali affetti da “puestoles en la mano”, pronunziando sacre “orationi”. Interrogata più volte nel corso della sua carcerazione, durata quasi due anni, a nulla valgono i suoi tentativi di respingere con forza quanto testimoniato dai segreti accusatori.

Strega e diavolo in una incisione del XV secolo

     Strappata dalla sua Scicli e deportata a Palermo, vede sempre più lontana la speranza di poter tornare ad abbracciare il luogo natio. Gli inquisitori chiudono la fase processuale condannando “Margarita” a “servire murada” (una sorta di arresti domiciliari) “por cinco anos” presso un nosocomio panormitano. La prassi inquisitoriale è rispettata. Per “Margarita” la condanna è triplice. Per il Tribunale dell’Inquisizione siciliana di rito spagnolo lei è una strega. Per la giustizia ordinaria quella donna, a seguito della sua “attività” di “curatrice”, è colpevole di esercizio abusivo della professione medica. Per il Tribunale ecclesiastico si tratta di un’incallita eretica, giacché peccano tutti quelli che credono “…alli sogni et alli incanti, alli indovini, a stregarie…”.

     A Margarita, resasi colpevole di aver alleviato le sofferenze del popolino, non resta altro che chiedere alle sue compagne di sventura: “…chi dite che io sia? Strega, eretica o erborista?”.

 

Giuseppe Nativo

Nota: il presente articolo è stato pubblicato anche sul quotidiano "La Sicilia" dell'11.9.2006

 

 

Home Page

 

                                                                                                         

    Rivista culturale e del benessere olistico - La riproduzione dei contenuti è consentita per usi non commerciali, dietro autorizzazione dell'Editore.

Direttore: Pippo Palazzolo

Registrazione Tribunale di Ragusa n.8/96 - Direttore Responsabile: Faustina Morgante - Editore A.s.tr.um. Ragusa

Ultimo aggiornamento: 21 giugno 2011